La risposta prova a darla il musicista Nigel Stanford, che in occasione del suo nuovo lavoro, “Solar Echoes”, ha realizzato un video in cui è riuscito a dar forma alla propria musica con l’ausilio di lastre di Chladni, tubi di Rubens e ferro liquido.

via