Portare le proprie idee, le proprie visioni d’artista oltre i confini dell’umano, spingersi a un passo dalla morte pur di veder realizzato il proprio sogno: dove finisce il bisogno dell’arte e dove inizia un ego spropositato?